Author Archives: admin

About Federica

www.damnedinblack.net

View all posts

13 VICTIMS

13 VICTIMS OF THE SERIAL TATTOOIST
is finally online!

13 pics to celebrate 13 years of tattooing of Clod the Ripper

. : M O D E L S : .

Gipsy Apollinare
Cleo Viper
Riae
Francesca DuDemon
Happy Valentine
Bianca Nevius
Glow Swanson
Sylvie Bovary
Reina
MatteInk
Desirèe
Fat Cat
laMiss


. : P H O T O G R A P H E R : .

Stefania Villani (Unusual Boke Pictures)


. : G R A P H I C & E D I T I N G : .

Federica Galli (Damned in Black)


. : W O R D S & I N T R O D U C T I O N : .

Vincenzo Trama

Read More »

IRELAND photos

“We may have bad weather in Ireland, but the sun shines in the hearts of the people and that keeps us all warm.”
Here’s some photos taken in wonderful Ireland!

Read More »

13 VICTIMS OF THE SERIAL TATTOOIST

Clod the Ripper tattoo presents: 13 VICTIMS OF THE SERIAL-TATTOOIST
First art show at the Las Spezia Tattoo Convention 14/15/16 June

…. more to come….

Follow us : https://www.facebook.com/13VictimsOfTheSerialTattooist?fref=ts

Read More »

13 VICTIMS…

13 victims of the Serial-Tattooist – 13 pics to celebrate 13 years of tattooing of Clod the Ripper.

. : M O D E L S : .

Telly Lale
Cleo Viper
Riae
Francesca DuDemon
Happy Valentine
Bianca Nevius
Glow Swanson
Sylvie Bovary
Reina
MatteInk
Desirèe
Fat Cat
laMiss

. : P H O T O G R A P H E R : .

Stefania Villani (Unusual Boke Pictures)

. : G R A P H I C & E D I T I N G : .

Federica Galli (Damned in Black)

. : W O R D S & I N T R O D U C T I O N : .

Vincenzo Trama

Read More »

Spring

Every season, for me, it’s like starting from scratch again.

Read More »

Posters, flyers, & more..

New logos, new posters for CLOD THE RIPPER TATTOO /MILANO CITY INK
and ROBERTO BORSI / PRIMORDIAL PAIN TATTOO

Read More »

End 2012

The monotony and solitude of a quiet life stimulates the creative mind.
22/12/12 – Milano

Back in 2013.

Read More »

Intervista – Fabio

Intervista per Fabio Sguazzotti, studente presso l’Accademia di Belle Arti.
Alcune domande e risposte come parte integrante della sua tesi in Computer Graphic.
Grazie Fabio!

1) Come è entrata in contatto con la grafica e per quanto riguarda la realizzazione di copertine per album musicali, cosa la affascina di più?
Ho frequentato l’Accademia di Belle Arti e nel 1998 iniziai ad interessarmi di grafica per manipolare digitalmente le fotografie che scattavo. Sempre in quegli anni ho iniziato a collaborare con band musicali inizialmente per creare poster e flyer e successivamente grazie al passaparola, anche come grafica per CD booklet. Ciò che mi affascina di più di questo lavoro è la fusione tra arte e musica, le mie due più grandi passioni.

2) Secondo lei, quanto è importante la copertina? Essendo la prima cosa che ci mette a contatto con un album dal punto di vista materiale, quanto è fondamentale il primo messaggio estetico?
Per me il design della copertina è fondamentale. Forse perchè facendo questo lavoro, l’estetica per me è tutto e quindi spesso accade che compro un CD la cui sola copertina mi ispira qualcosa, da questa credo si possa capire molto della band in questione anche prima di ascoltare la loro musica.

3) Che rapporto ha solitamente con gli artisti e i clienti? quali sono le loro domande più frequenti? sono particolarmente attivi in fase di progettazione e realizzazione della grafica?
Solitamente le band che mi contattano per avere un mio lavoro come parte integrante della loro musica, mi lasciano libertà totale. Spesso mi viene chiesto di ascoltare i brani e di ricreare ciò che mi suggerisce la mia immaginazione. Ci sono varie tipologie di clienti però: alcuni hanno già delle idee chiare in testa e quindi io divento il mezzo tramite il quale possono realizzare i loro progetti, vogliono dunque seguire tutto il lavoro scrupolosamente. Mi capita invece di avere carta bianca dove il cliente è interessato al lavoro finito e in questo caso non è particolarmente presente durante tutta la fase della realizzazione della grafica.

4) Il contatto con gli artisti avviene tramite gli stessi o anche tramite studi di management?
I vari contatti avvengono sia per un passaparola tra i gruppi ma anche tramite agenzie di booking e management. Oltre questo anche grazie al mio sito internet ( www.damnedinblack.net ) e ovviamente Facebook, che è sempre un grande mezzo dove poter far conoscere il proprio lavoro e scovare potenziali clienti.

5) Solitamente, gli artisti quando le commissionano una copertina, sono influenzati dalle scelte artistico-estetiche da altri album o musicisti?
Si, alcuni gruppi mi mostrano esempi di altre copertine da cui prendere spunto, ma solo per quanto riguarda il concetto o il tipo di effetti grafici e cromie.

6) Per la realizzazione dei suoi lavori, qual’è il suo apporto progettuale/esecutivo? Predilige l’elaborazione analogica o digitale?
Utilizzo principalmente Photoshop, ma anche altri software 3D. Di solito scannerizzo texture da stoffe, metalli, carte, superfici, polaroid, negativi, usandole per ricreare quell’effetto adatto a ciascun lavoro che ho in progetto.

7) Ci sono degli autori o degli artisti digitali in particolare che l’hanno ispirata?
Ammiro particolarmente i lavori di Travis Smith, di genere prevalentemente gotico e horror che sono realizzati a partire dal materiale fotografico che scatta lo stesso Smith, rielaborato digitalmente.

8 ) A che cosa ha portato la sua crescita dal punto di vista di notorietà e riconoscimento e come vede il futuro in questo ambiente?
Negli ultimi anni ho ricevuto svariate proposte di collaborazione da gruppi metal, modelle, tatuatori e agenzie di booking e tutto ciò mi rende orgogliosa del mio lavoro che continuo a fare con passione da tempo. Ho scoperto molti grafici e fotografi validi in questi anni, certo ognuno ha il proprio stile e quindi anche il pubblico ha una vasta scelta. Però devo ammettere che parlando con molti clienti non proprio soddisfatti dal modo di lavorare di altri colleghi, ho notato che sul mercato ci sono troppe persone che si improvvisano grafici che non hanno mai studiato grafica o che non hanno mai creato lavori utilizzando gli strumenti adatti e le conoscenze specifiche per fare questo lavoro. E i risultati purtroppo si vedono, e io lo noto immediatamente. Come in tutti i lavori, cerchiamo di affidarci sempre a persone che non solo fanno questo da tempo, ma anche con le conoscenze e i mezzi adatti che questo tipo di attività richiede. Sembra facile ma in realtà, se si lavora bene, sarà pesante ma il tutto porta molte soddisfazioni!

Read More »

CLOD THE RIPPER TATTOO

Clod the Ripper Tattoo & Damned in Black presents the new Telly Lale calendar 2013!

Damned in Black graphic for Clod the Ripper Tattoo new flyer,
for MILANO CITY TATTOO on DMAX ITALIA – SKY TV

Read More »

TETHRA – new album

I TETHRA, band italiana dedita ad un Death/Doom dinamico e dalle molteplici influenze, è attualmente impegnata nelle sessioni di registrazione per il successore del fortunato mini “At the Gates of Doom”.

Gli studi scelti  saranno, per quanto riguarda le batterie, gli XM di Busto Arsizio mentre il resto verrà inciso agli Elnor Studios sotto la supervisione di Mattia Stancioiu.

La nuova produzione intitolata “DROWN IN THE SEA OF LIFE”, sarà composta da 10 brani dove tutti i testi avranno come filo conduttore l’acqua e riprenderanno il concept precedente sul passaggio tra la vita e la morte.

A seguire le parole di Clode, singer e frontman della band:

“Siamo molto fieri dei nuovi pezzi, abbiamo cercato di ampliare lo spettro delle emozioni che la nostra musica trasmette, infatti potrete trovare sia parti davvero massicce e pesanti sia altre più melodiche e riflessive ma sempre contraddistinte da quello che ormai è il nostro suono.”

Per la parte grafica il combo varesino si è affidato ai DAMNED IN  BLACK studio di milano.

A breve maggiori dettagli

EAGLE BOOKING PROMOTION

Read More »

BACK AGAIN

Back from Norway,  breathtaking landscapes.
Some new photos in RANDOM VISIONS.

Read More »

RANDOM

August is coming and finally i will spend 20 days in Germany, Denmark and Norway.
By motorbike. Under the rain. Driving through the nature.
Meanwhile some  new logos, new cd artwork, upcoming works for Tethra, Nibiru, Kenopi,  Bloody Mary, Nefastis, BigRough.
Combichrist, Obituary, Brujeria live pics on my FB page.
Don’t know if I’ll come back again :)

Read More »

Creepshow

New photoset with Dorsia & Rei Otaku: Creepshow.

” If I could create the perfect woman, I’d make sure there was an on/off switch in there somewhere!”

Read More »

Fighter

New photoset  with Heimirch.
Let’s fight!

“Every fighter has one fight that makes or breaks him.”

Read More »

PLANET TERROR

New photos from “Planet Terror” set with Dorsia & Rei Otaku.
Check it!

Read More »

A CAT’S SCRATCH – Interview

Read the Interview on A cat’s scratch

Ho scoperto Federica e la sua arte per la prima volta su DeviantArt tanti anni fa e ne sono rimasta subito colpita. Riesco a immaginare poche cose che siano distanti dal mio mondo come ciò che Federica esprime con i suoi lavori eppure mi ha affascinata fin dal primo momento. Non so il perché ma forse è questo lo scopo di un’opera d’arte, qualunque essa sia: farci riflettere su qualcosa di nuovo e, soprattutto, emozionarci. Federica ha molto gentilmente accettato di farsi intervistare ed ecco qui il risultato. Visitate il suo sito damnedinblack.net !

ACS: Come hai iniziato a dedicarti all’arte digitale?

Federica : Avendo frequentato l’Accademia di Belle Arti, iniziai ad interessarmi di arte digitale nel lontano 1998 quando ancora scattavo con una macchina fotografica analogica e post-producevo le immagini con un ormai paleolitico programma di fotoritocco.

ACS : Quali sono le tue fonti di ispirazione?

Federica : Sicuramente la musica e la natura sono le mie due fonti principali di ispirazione. Melodie oscure e scenari cupi sono la mia più grande passione.

ACS : Segui un processo preciso di creazione oppure ogni volta cambia?

Federica : Dipende da quello che ho in mente: può capitarmi di pensare ad uno scenario e cercare di ricrearlo attraverso fotomanipolazioni e modelle adatte a rappresentare ciò che ho in testa. Oppure il
contrario: ricreo una situazione adatta in base a quello che mi trasmette la persona che ho di fronte .

ACS : Mediamente quando tempo impieghi a creare un’opera digitale?

Federica : Se sono ispirata anche un paio d’ore soltanto. Ma dato che un artista non è mai pienamente
soddisfatto del proprio lavoro, guardo e riguardo la mia creazione finchè non vedo più i difetti e qui
possono passare anche dei giorni!


ACS
: Che tipo di programmi utilizzi?

Federica : Ovviamente Photoshop, il re di tutti i programmi di grafica ma anche altri software meno comuni. Io mi considero “un’artigiana” digitale: scannerizzo texture da stoffe, metalli, carte, superfici,
usandole per ricreare quell’effetto adatto a ciascun lavoro che ho in progetto.

ACS : Com’è cambiata la tua arte rispetto agli inizi?

Federica : Mi capita di riguardare i miei lavori passati dove le atmosfere dark, a volte anche “splatter” e
macabre erano elementi quasi indispensabili. Nelle mie ultime opere invece, sia di arte digitale
che di fotografia, la natura in tutte le sue forme è protagonista: scenari cupi, nebbia, alberi, foglie
e paesaggi decadenti. Anche nei ritratti di “CHAOS:CULTURE” l’elemento principale è la spontaneità e l’autenticità dei personaggi interpreti di questo concept fotografico.

ACS : Cosa consiglieresti a una persona che volesse approcciarsi per la prima volta all’arte digitale?

Federica : Di seguire il proprio istinto e di non cercare di emulare eccessivamente le idee di altri artisti o fotografi. Sicuramente ognuno di noi può cogliere l’ispirazione guardando un’opera già esistente.
Ma il detto ‘impara l’arte e mettila da parte’ deve essere d’esempio!

ACS : Oltre all’arte digitale e alla fotografia ci sono altre forme d’arte che ti piacerebbe esplorare o che hai già sperimentato?

Federica : Pittura, disegno, decorazione, incisione sono espressioni d’arte che ho già sperimentato in passato. Essendo una grafica di professione e non avendo purtroppo molto tempo da dedicare ad un hobby più “artigianale” ho voluto perfezionare le mie conoscenze nell’ambito del digitale, come appunto
la fotografia e la post-produzione.

ACS : Come mai la tua scelta si è rivolta alle modelle alternative?

Federica : La scelta di avere modelle alternative nel mio portfolio fotografico è determinato dall’ambiente in cui vivo e che frequento quotidianamente. Sono circondata da persone esteticamente particolari e quindi la tentazione di lavorare con personaggi così interessanti è tanta.

ACS : Che cosa ne pensi delle modelle “classiche”? C’è qualcosa che ti piace e da cui trai spunti per
scattare le tue fotografie oppure lo ritieni un mondo ormai troppo omologato?

Federica : Sono sempre alla ricerca di personaggi (maschili o femminili) con particolari caratteristiche. Questo non significa solo con tatuaggi, piercing o capelli colorati, ma con quel qualcosa in più che possa
catturare la mia attenzione. Da come si percepisce dai miei lavori prediligo soggetti al di là dei
soliti canoni classici ma non li disdegno affatto. Preferisco ‘distinguermi’ dal tipico fotografo di
modelle, oltre che catturare la bellezza fisica di una persona voglio esaltarne anche i particolari non
comuni.

ACS : Quando realizzi uno shooting c’è un team che ti segue e che ti aiuta oppure preferisci occuparti tu di tutto, dall’ideazione alla postproduzione?

Federica : Se l’idea del concept parte da me, mi occupo personalmente di tutto: dall’ideazione alla post-
produzione e insieme alla modella discutiamo sul make up e l’outfit. Di solito le modelle con cui
collaboro mi lasciano totale libertà e questa cosa mi lusinga moltissimo, evidentemente si fidano del
mio lavoro!

ACS : Una tua modella preferita che ci consigli di seguire?

Federica : Senza dubbio Marta Blonde Pitbull, che spesso compare nei miei lavori.
Cosa dire di lei? Oltre ad essere una modella professionista è anche una dj e performer,
quindi “allenata” a posare di fronte ad una macchina fotografica. E’ un’artista poliedrica e quindi
perfetta per seguirmi nelle mie idee più folli!

ACS : C’è uno stile particolare in cui ti identifichi oppure preferisci variare?

Federica : Negli anni ho spaziato tra lo stile dark, gotico, fetish, burlesque, pin-up, retro e glamour. Ma chi guarda i miei lavori li definisce “dark” e sicuramente è l’aggettivo migliore per descrivere quella
pellicola di ambiguità che hanno da sempre i miei lavori .

ACS : Il mondo della moda suscita il tuo interesse? Lo segui? E, se sì, quale stilista (o stilisti) si avvicina
di più al tuo gusto personale?

Federica : Non ho mai seguito molto la moda, anche perché la parola stessa indica un passaggio, una
mutazione di uno stile di vita mentre il mio armadio è abbastanza noioso: mi vesto sempre di
nero e raramente cambio colore! Più che altro vario spesso taglio e colore dei capelli, credo che
rappresentino meglio la mia personalità. Seguo però una designer di gioielli ed accessory, Tarina
Tarantino. Trovo che sia davvero unica nel suo genere e le sue creazioni siano originalissime.


Read More »

CHAOS:CULTURE – video

CHAOS:CULTURE : new photos and video!

Click READ MORE to watch the video.

Read More »

CHAOS:CULTURE

Still working for CHAOS:CULTURE

Soon more photos.
In the meantime : Martino poser :)

Read More »

DAMNEDINBLACK – FESTIVAL PARTNERSHIP

Read More »

DOLLY LAMOUR – the website

Finally DOLLYLAMOUR.COM is online!
Check it out!


More creatures await you… All longing to welcome you to their surreal world, where everything is magic and possible.

Read More »